Ecco 5 buoni motivi per smettere di usare il ferro da stiro!

Ecco 5 buoni motivi per smettere di usare il ferro da stiro!

Lo stiro è una perdita di tempo!
In media una famiglia impiega da 2 a 5 ore a settimana per lo stiro. Tu, come sei messa? Le ore sono solo un numero, lascia stare… ma di certo ti renderai conto che è tempo prezioso: è il tuo tempo! E non c’è dubbio che potresti spenderlo in maniera molto più proficua: curare gli affetti piuttosto che le tue passioni… il tempo passa e si porta via opportunità che poi non tornano più!

Lo stiro è pericoloso!
Il ferro da stiro è un oggetto pesante e rovente che raggiunge temperature davvero altissime (anche 200-250°). L’incidente domestico più frequente? L’ustione; e il ferro da stiro ha un buon piazzamento in classifica come elemento di causa.
Fai attenzione a non lasciarlo incustodito se ci sono bambini in casa, soprattutto quando è acceso.

Lo stiro è dannoso per la salute!
Dopo qualche ora passata con il ferro in mano inizi a soffrire, vero? In effetti, se muovi sull’asse un peso di qualche chilo per un certo tempo, mantenendo una postura forzata, inevitabilmente avverti dolori fastidiosi a schiena, collo e articolazioni. Senza pensare al fatto che ti respiri tutte le sostanze volatili che vengono vaporizzate con il calore stesso.

Lo stiro è costoso!

 


Il ferro da stiro è uno degli elettrodomestici che consuma di più. I dati effettivi variano in base alla potenza del tuo ferro e alla fascia oraria in cui lo utilizzi, quindi non c’è un dato che sia valore assoluto. Se poi non sei tu a stirare, ma hai bisogno di qualcuno che lo faccia per te, aggiungici anche quei 10-12 €/l’ora che, a fine mese, sono una bella somma!

Lo stiro è dannoso per i tessuti!
Cresciamo con l’idea che lo stiro sia parte imprescindibile del ciclo di gestione del bucato: cesto-lavatrice-stendino-asse-armadio. Ma cosa accade, davvero, quando stiri? Hai avuto mille cortezze per scegliere il detergente giusto per ogni capo e hai misurato con attenzione la temperatura dell’acqua di lavaggio, soprattutto per i capi più delicati; le alte temperature del ferro annullano tutto il lavoro che le sostanze umettanti hanno svolto per mantenere una buona lubrificazione delle fibre, compromettendole irrimediabilmente. Non solo: se non sei riuscita a rimuovere fino in fondo alcune macchie, o se sono rimasti degli aloni, il ferro da stiro non fa altro che fissare tutto per bene, in via definitiva.

Potremmo continuare oltre, perché di buoni motivi per smettere di stirare ce ne sono eccome! Ma credo che questi possano bastare. Se anche tu hai deciso che valga la pena cambiare il passo, allora c’è un mondo che forse ancora non conosci e un prodotto straordinario che può veramente migliorare la qualità della propria vita! Scoprilo cliccando www.felicezola.com

 

ACARI DELLA POLVERE – Perché e come combatterli anche grazie alla nostra LavaIgienizzatrice Hydra e all'AsciugaStiratrice Agento

Gli acari della polvere vivono e proliferano prevalentemente negli indumenti che indossiamo quotidianamente e nella biancheria della casa, si nutrono principalmente di desquamazioni umane e animali. Le moderne abitazioni creano un microclima caldo e umido, ideale per la loro proliferazione.
L’allergia agli acari è una delle forme allergiche più diffuse. Gli acari sono responsabili di circa il 75% delle allergie respiratorie e disturbi in qualsiasi momento dell’anno.

L’allergia agli acari della polvere è una iper-reazione del sistema immunitario provocata da piccoli artropodi comunemente presenti nell’ambiente domestico.

Allergia agli acari può avere delle varianti: può essere lieve oppure grave.
La reazione allergica, viene causata dall’inalazione delle loro defecazioni o dei resti di acari morti, si può manifestare con sintomi prevalentemente respiratori (tipo asma o rinite). In alcuni casi, compaiono anche arrossamenti o gonfiore agli occhi, lacrimazione, fastidio alla luce, senso di generale di malessere, debolezza e anche stati di ansia. Gli allergeni poi, causano il rilascio di istamina che genera congestione nasale, gonfiore e irritazione delle vie respiratorie superiori.
I sintomi dell’allergia agli acari della polvere possono comparire anche simultaneamente oppure in fasi successive:

Sintomi associati ad asma e difficoltà respiratorie:
-oppressione toracica;
-respirazione sibilante (fischio udito in fase di espirazione);
-tosse secca;
-disturbi del sonno a causa della mancanza di respiro, tosse o dispnea.
-difficoltà di respirazione (soprattutto durante il sonno o in fase di sforzo fisico);

In alcuni casi, l’allergia agli acari può provocare:
-arrossamento cutaneo e prurito a livello del viso e del cuoio capelluto.
-eczema atopico, arrossamento, eruzioni cutanee;

Sintomi causati da infiammazione delle vie nasali:
-congiuntivite: lacrimazione, arrossamento, prurito, gonfiore e irritazione agli occhi;
-prurito al naso, al palato o alla gola.
-rinite: ostruzione nasale, starnuti(in rapida successione), naso che cola (rinorrea);

I disturbi del sonno e lo stato di affaticamento permanente, causati dall’allergia agli acari, possono influenzare negativamente le attività di tutti i giorni, professionali e scolastiche , incidendo poi negativamente sulla qualità della vita.

E’ importante quindi, igienizzare a fondo i tuoi capi che indossi quotidianamente e la biancheria della casa, migliorando la propria salute e di chi ti stà intorno..!

 

CHIEDI SUBITO INFORMAZIONI SULL’ASCIUGASTIRATRICE AGENTO..www.felicezola.com